SOUNDTRAP FOR EDUCATION. UNO STUDIO DI REGISTRAZIONE TAGLIATO PER LA SCUOLA

di Francesco Sessa

Soundtrap for Education è un’applicazione online che consente agli studenti e ai docenti di effettuare registrazioni di contenuti audio creativi, che si tratti di migliorare le proprie presentazioni con la musica, di apprendere l’arte della produzione musicale digitale in collaborazione con i compagni per comporre un brano o che si voglia registrare podcast per condividere le proprie conoscenze su un argomento.

Soundtrap For Education offre oltre 20.000 beat e preset di alta qualità, sintetizzatore, linea di basso e ritmi con le percussioni, più tutte le funzioni e gli effetti necessari per la produzione audio moderna in un ambiente online sicuro e protetto nel rispetto dei requisiti di conformità legale e della privacy. 
A Francesco Bocciardi di Didattiva, azienda che si occupa della distribuzione di Soundtrap For Education nelle scuole, abbiamo chiesto di raccontarci le caratteristiche più interessanti di questo prodotto.

MusicEdu Conoscevamo già Soundtrap, ma cos’è Soundtrap for Education?
Francesco Bocciardi Oltre alle versioni free e premium di Soundtrap, c’è la possibilità di richiedere licenze per le scuole a condizioni favorevoli. E questo è appunto Soundtrap for Education, che ha le funzioni della versione più estesa con l’aggiunta di strumenti che permettono di amministrare gli iscritti alla piattaforma. Si possono, per esempio, creare delle gerarchie di utilizzo: un amministratore, poi un livello intermedio con gli insegnanti e infine gli studenti, che hanno delle limitazioni nel perimetro collaborativo. I ragazzi possono cioè collaborare a più livelli ma sempre all’interno di un ambito limitato. In questo modo si garantisce che sia tutto controllato. 

MusicEdu Quindi gli studenti possono comporre insieme all’interno di un medesimo progetto?
Francesco Bocciardi Esatto. Ma non solo: è possibile organizzare l’attività a livello di gruppi. Soundtrap for Education si aggancia anche agli strumenti di Google di amministrazione della scuola, così da poter incorporare le classi di Google all’interno di Soundtrap. E la classe può essere ulteriormente divisa.

MusicEdu Ci fai qualche esempio?
Francesco Bocciardi L’organizzazione di gruppi consente di assegnare attività in base alle caratteristiche degli studenti. Si può per esempio lavorare sui podcast, ma contemporaneamente far lavorare gli studenti di chitarra su altro.

MusicEdu Come funziona nella pratica?
Francesco Bocciardi Nel progetto, l’insegnante trova la cartella con le attività dei singoli studenti: in questo modo può prendere visione del materiale. All’interno del pannello dello studio ci sono dei sistemi di comunicazione, grazie ai quali ci si può rapportare con gli studenti via chat o video. Un altro aspetto da sottolineare è che le attività vengono registrare sull’hardware del dispositivo.

MusicEdu Quindi gli studenti possono caricare le tracce direttamente all’interno di Soundtrap senza doversele inviare esternamente. E magari un allievo può occuparsi del mixaggio.
Francesco Bocciardi Esatto: le tracce vengono registrate direttamente sulle schede audio degli allievi, sfruttando le risorse del dispositivo. Si può accedere all’account da diversi dispositivi: se non si è a casa, si può aprire il progetto sullo smart-phone e registrare da lì.

MusicEdu È possibile l’export Midi?
Francesco Bocciardi Sì. E sono anche presenti l’input e l’export dai programmi di notazione.

MusicEdu Per quanto riguarda i progetti collaborativi?
Francesco Bocciardi Sono diversi dal compito assegnato dall’insegnante. Intanto è possibile caricare un mp3 con una traccia audio da cui partire. C’è una chat testuale e la possibilità di chiamarsi, così da lavorare in contemporanea. È presente la finestra degli strumenti con tantissimi loop a disposizione: è tutto bello e molto attuale. Essendoci anche i podcast, sono stati integrati anche tutti gli effetti che si trovano meno facilmente. Oltre al fatto che ogni settimana vengono aggiunte novità e ci si può creare una propria libreria di preferiti. È uno strumento completo, importante per abituare gli studenti ad avere familiarità con la tecnologia musicale.

MusicEdu E per quanto riguarda la privacy, vengono acquisite informazioni sugli utenti?
Francesco Bocciardi È come quando si utilizza Google a scuola: i server, che sono in Europa, sono conformi al GDPR. Dopo 90 giorni dalla fine della sottoscrizione, viene cancellato tutto. Tant’è vero che uno dei problemi è che se le scuole non rinnovano le utenze, dopo tre mesi l’account viene eliminato.

MusicEdu Il sistema ha la capacità di gestire tracce audio realizzate dagli studenti con strumenti reali? Le scuole così possono mettere insieme strumenti reali e parte digitale, come loop e beat.
Francesco Bocciardi C’è un sistema con cui puoi freezare le tracce, il che consente di alleggerire molto le risorse. E c’è la possibilità di far lavorare sul progetto a una risoluzione minore, così da ottenere un’ottimizzazione per le latenze.

MusicEdu Sono presenti funzionalità utili per la didattica in chiave trasversale, a prescindere dalla musica?
Francesco Bocciardi Una funzione straordinaria è quella che trascrive automaticamente un testo a partire da un audio: uno strumento che può essere utilizzato al posto del laboratorio di lingue di scuola… Non solo: cancellando parti del testo, si fa l’editing del file audio stesso. Alcuni musicisti e insegnanti hanno fatto un percorso di certificazione su Soundtrap e danno la possibilità di supportare gli insegnanti, come dei tutor con una competenza trasversale, sia tecnica sia metodologica. L’obiettivo è quello di rendere questo strumento declinabile su tutto il curriculum scolastico: può essere uno strumento compensativo per studenti con bisogni educativi speciali, per esempio. O può essere utilizzato per un progetto di drammatizzazione condiviso. A breve faremo un laboratorio con una scuola di Arezzo dove andremo a formare gli insegnanti e i ragazzi della scuola di un liceo artistico a indirizzo multimediale, per renderli autonomi nella creazione di musica per i propri contenuti video. Nel team emergeranno le competenze di ognuno, tra parte strumentale e mixing: un processo collaborativo interessante. Per esempio, io ho fatto scaricare ai ragazzi il discorso di Martin Luther King, “I have a dream”: loro hanno tagliato, montato suoni, utilizzato campioni della voce ed effetti. Il risultato è stato straordinario.

MusicEdu Quali sono le modalità di sottoscrizione?
Francesco Bocciardi Il costo è di cinque euro all’anno più Iva per studente. Per la sottoscrizione, le scuole devono partire da 50 utenti. La scuola pubblica può acquistare l’abbonamento sul Mepa (Mercato elettronico della Pubblica Amministrazione), l’operazione è semplicissima. C’è anche la possibilità di avere un supporto per le prime operazioni, oltre a un possibile periodo di prova di 90 giorni qualora venisse richiesto.

Info: Didattiva

2 commenti su “SOUNDTRAP FOR EDUCATION. UNO STUDIO DI REGISTRAZIONE TAGLIATO PER LA SCUOLA

  1. Salve Raffaella,

    sono Francesco Bocciardi di Didattiva, il partner per l’Italia di Soundtrap Education.

    Mi può contattare ai nostri indirizzi email info@didattiva.it oppure francesco@didattiva.it , in modo da darle tutte le informazioni a riguardo per seguire le nostre attività on line, i nostri canali, le modalità di acquisizione e prova di Soundtrap, i webinar e le formazioni su misura.

    Le comunico anche che saremo presenti a Didacta, la fiera per l’educazione che si svolgerà a Firenze dal 20 al 22 maggio, nello stand di Newline Interactive, con la quale abbiamo raggiunto un accordo per dotare i loro monitor interattivi di licenze gratuite per 12 mesi di Soundtrap Education per le dotazioni scolastiche dei progetti Pon Digital Board.

    Grazie per l’interessamento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *